martedì 21 febbraio 2017

Crostoli



Bugie, crostoli, grostoi, struffoli, crostui, cunchiell', fiocchetti, frappe, galani, gali,
gasse, guanti, intrigoni, lattughe, maraviglias, sfrappole, rosoni, galarane, saltasù, sfrappe, sfrappole,
sprelle, risòle, sossole, pizze fritte, ghisa, stracci, lasagne, pampuglie, manzole, garrulitas!
Vi sfido a leggerli tutti d'un fiato..e non sono tutti qui i nomi di questi dolci tipici del carnevale!

Vi posto qui due ricette:

Una tradizionale, e vi basterà munirvi di un uovo di quelli buoni, di quelli che sapete da dove arrivano e magari conoscete pure la gallina, e lo sapete che è felice perchè ve lo dice.
 O se proprio non ne conoscete nessuna allora il miglior uovo che trovate in commercio, magari di una qualche azienda agricola della zona!

E una vegana, se non conoscete nemmeno una gallinella felice, o se siete intolleranti, o per morale, o per qualsiasi altro motivo vi spinga verso questa scelta!

Volevo premettere che vi servirà per forza la macchina per la pasta e quindi rubatela alla nonna, alla zia, o alla mamma come ho fatto io, e magari poi ripagatele con quache crostolo dei vostri, e non fate come me che me li son mangiati tutti, sono proprio senza vergogna!

Io ho fatto tutte e due le ricette nello stesso pomeriggio e il numero di crostoli era soddisfacente!
Una volta scelto la ricetta che volete provare quindi raddoppiate le dosi così da avere abbastanza impasto!




Quindi partiamo con la ricetta tradizionale:

150gr di farina '00'
20gr di zucchero di canna
1uovo bello e buono
30gr di latte di riso
15gr di olio di oliva
1cucchiaio di marsala o altro liquore
la buccia grattuggiata di mezzo limone
1 pizzico di sale
olio di semi di girasole per friggere
zucchero a velo per spolverare

Mescolate in una ciotola la farina con lo zucchero e il sale, fate un buco al centro e aggiungete tutto il resto degli ingredienti, con una forchetta cominciate a mescolare dal centro prendendo pian piano la farina ai bordi, alla fine impastate con le mani fino a che l'impasto si stacca dalla ciotola, se è troppo umido aggiungete un pò di farina ma tenete conto che sarà cmq bello morbido, perciò non temete!
Avvolgetelo con della pellicola per alimenti e lasciatelo riposare per un ora a temperatura ambiente.


E quella senza derivati animali:

150gr di farina '00'
20gr di miele (o malto di riso, che lo so che il miele non è proprio vegan)
20gr di gel di semi di lino
30gr di latte di riso
15gr di olio di oliva
1 cucchiaio di marsala o altro liquore a scelta
la buccia grattuggiata di mezzo limone
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito per dolci
zucchero a velo per spolverare

Per il gel di lino:
280gr di acqua
35gr di semi di lino interi

Preparate il gel di lino, con le dosi indicate vi vengono ovviamente più di venti grammi, poi potete congelare il rimanente e usarlo in un'altra ricetta. Procedete portando a bollore l'acqua in un pentolino, versatevi i semi di lino e fate sobbollire per cinque minuti circa, scolate con un colino a maglie fitte e lasciate raffreddare il gel ottenuto prima di utilizzarlo.
Per formare l'impasto seguite lo stesso procedimento descritto sopra per i crostoli tradizionali.

Una volta finito il riposo stendete una tovaglia sul tavolo e spolveratela con un pò di farina.
Prendete la vostra macchinetta e cominciate a tirare la pasta, infarinate bene le sfoglie di pasta mano a mano che le tirate, per quanto riguarda la sottiliezza io ho notato che quella ideale per l'impasto tradizionale è la penultima, quindi non finissimissima, mentre per quello vegano è sicuramente migliore l'ultima tacca, che le fa sottili sottili e quindi risultano super croccanti!
Poi è una cosa che va molto a gusto personale!

Per essere sicuri che l'olio sia pronto potete utilizzare un termometro da cucina e farlo arrivare a 175°C.
Se non avete un termometro allora provate con un pezzettino di impasto:
-Se rimane sul fondo significa che è ancora freddo
-Se i contorni diventano subito scuri significa che è troppo caldo
-Se resta a galla si fanno subito le bolle e si colora gradualmente allora è alla giusta temperatura
Tenete presente che serviranno pochi secondi per cuocere le vostre chiacchiere, è un operazione piuttosto veloce perciò non perdetele di vista e cuocetene poche alla volta!

E beh magari arriverà anche la ricetta delle frittelle ma chi lo sa, l'unica cosa certa fin'ora è che non ne ho mai mangiate tante come quest'anno, (ma mai fatte da me), e che non smetterei mai!

Allora buon carnevale!

A presto,
Valentina



Nessun commento:

Posta un commento